martedì 18 dicembre 2007

L’ordine ai “guaglioni”: «Non voglio omicidi


Niente morti nel quartiere, assolutamente non voglio spargimenti di sangue». Sarebbe stato questo l’ultimo ordine di Contini ai suoi uomini secondo gli inquirenti, in possesso probabilmente di intercettazioni nelle quali un affiliato riferiva il volere del padrino. Nulla di che meravigliarsi perché “’o romano” è stato sempre considerato un imprenditore del crimine più che un boss sanguinario. La convinzione che il ras non volesse che il Vasto-Arenaccia-San Carlo Arena diventasse luogo di omicidi è attentamente al vaglio degli investigatori, che pure attribuiscono al clan Contini (senza però che siano emerse finora responsabilità individuali) l’agguato costato la vita il 1° agosto scorso a Giosuè Spirito, nipote del pentito dei Mazzarella Ciro Giovanni Spirito. In quel caso, proprio secondo i poliziotti della Squadra Mobile della questura, il movente fu un’invasione di campo nel campo delle rapine e non una vendetta traversale. Nel 2007 nella zona sotto l’influenza dei Contini si è verificato soltanto un altro delitto, quello di Ciro Giuliano “’o barone”. Ma in questo caso gli investigatori continuano a battere la pista che conduce al clan Mazzarella, che avrebbero agito in un territorio non loro per eliminare uno dei pochi esponenti della famiglia di mala di Forcella in grado di riorganizzare la cosca. Ci sono state anche tre “gambizzazioni”, ma effettivamente nel territorio di Vasto-Arenaccia (che è confluito in un’unica Municipalità) non si è mai tenuto che scoppiasse una nuova guerra di camorra. Del gruppo Contini nel 2006 e nell’anno che sta per terminare sono stati scarcerati, o erano già liberi, Antonio Aieta “’o piccirillo” (cognato di Edoardo “’o romano”), Nicola Rullo (che il mese scorso ha “rotto” la sorveglianza speciale e da allora se ne sono perse le tracce) e Luigi Galletto. A parte “’o ’nfamone”, gli altri due non sono incorsi in altri guai di natura giudiziaria.

Nessun commento:

Posta un commento

SVOGATEVI CON QUESTI CAZZO DI CAMORRISTI,VOGLIO SENTIRLE E VEDERLE DI TUTTI I COLORI