martedì 5 maggio 2009

LA STORIA DI RAFFAELE DIANA


Non basterebbe un libro intero per raccontare la vita,la storia di RAFFAELE DIANA 56 anni detto rafilotto per i piu' intimi.La sua ascesa criminale nel gruppo dei casalesi incomincia con MARIO IOVINE,mammasantissima rispettato e venerato in tutta casal di principe,era l'autista e il sicario di fiducia del boss dei mazzoni ANTONIO BARDELLINO,e intimo amico di FRANCESCO SCHIAVONE quel sandokan messo a capo del gruppo casalese.RAFFAELE DIANA inizia' con questi 4 nomi la sua fama e la sua napoleonica ascesa nel mondo del crimine,loro 4 insieme alla famiglia de falco,costruiranno una delle associazioni mafiose piu' temuta ramificata e ricca di tutta la campania.Le ossa all'inizio se le era formate con omicidi,intimidazioni estorsioni e gambizzazioni,era temuto e rispettato a tal punto che quando il gruppo decide di eliminare il loro boss ANTONIO BARDELLINO concedono a lui l'onore di strangolare PARIDE SALZILLO nipote del boss.Tutto inizia con una telefonata,MARIO IOVINE si era recato in brasile insieme alla sua coinvivente per ammazzare il boss ANTONIO BARDELLINO,pochi anni prima aveva sacrificato il fratello DOMENICO IOVINE morto per ordine di ANTONIO BARDELLINO per le manovre messe in atto dallo stesso MARIO IOVINE per trovare il prestesto per ammazzare finalmente il boss.L'ora di presentare il conto era arrivato,cosi' arrivato in brasile, si presenta dritto alla villa del boss ANTONIO BARDELLINO che lo accoglie senza rancori sapendo che il MARIO IOVINE in fin dei conti vuole solo un incontro pacificatore.Nello stesso momento a casal di principe FRANCESCO SCHIAVONE,RAFFAELE DIANA,MICHELE QUADRANO e i fratelli de falco aspettano la telefonata che deve annunciarela morte di ANTONIO BARDELLINO per incomiciare la carneficina contro tutti i componenti della famiglia bardellino.La morte del boss avviene mentre gioca a carte,MARIO IOVINE con una pesante mazzuola spacca nettamente in due il cranio a BARDELLINO,poi mentre la coinvivente si da da fare a pulire la stanza di sangue e materia cerebrale MARIO IOVINE insieme ad un amico carica in macchina il corpo del boss e lo va a sotterrare in una fossa lungo la spiaggia di bujos in brasile.Poi come daccordo telefona a casale di principe e comunica la nitizia ai complici.E dalle indagini salta fuori che l'idea di attirare in trappola il nipote del boss viene proprio a RAFFAELE DIANA e a FRANCESCO SCHIAVONE che lo mandano a chiamare con la scusa di una riunione urgente.Quando arriva PARIDE SALZILLO viene fatto sedere a capo tavola,poi in tre lo bloccano e sara' proprio RAFFAELE DIANA con una corda a strangolarlo mentre gli sputa in faccia e lo percuote.Ma gli omicidi commessi da questo carnefice sono tanti,tra cui il tentato omicidio commesso a modena contro un costruttore campano che nel 2000 aveva testimoniato contro di lui.Poi c'e' il quadruplice omicidio commesso da lui negli anni 90,e proprio per questo stava scontanto l'ergastolo,poi approfittando di un permesso premio si era dato alla macchia...