domenica 11 luglio 2010

Dentro l’attore di “Un camorrista perbene”

Tra gli arrestati c’è anche Filippo Iazzetta
marito di una delle figlie del defunto capo clan
Moccia e Vincenzo Barbetta (nella foto) uno dei protagonisti
del film “Un camorrista perbene”. Il ruolo
di Barbetta all’interno del clan emerge chiaramente
da alcune intercettazioni. Nella prima conversazione
è a colloquio con Barboncino identificato in
Antonio Iorio di questioni di denaro che gestiscono
in comune. Emerge tuttavia, dal tenore della
conversazione, che Barbetta si trova in una posizione
sovraordinata nel gruppo, rispetto a Barboncino.
La gerarchia dell’organizzazione criminale
si evince chiaramente dalle intercettazioni telefoniche.
Protagonisti della “chiacchierata” Barboncino”,
appunto, e l’attore Vincenzo Barbetta.
Barboncino: «Don Vincenzo, buongiorno»
Vincenzo: «Barboncino, come andiamo? tutto a
posto?»
Barboncino: «A me non bene, ti devo venire a trovare
subito, sto prendendo dei soldi in un posto
che non sono riuscito a prendere...»
Vincenzo: «Mica ti sto chiamando per i soldi....ti
devo parlare un poco, barboncino…»
Barboncino: «Ora vengo da te subito»
Vincenzo: «Io ti devo parlare un poco, ci vediamo
un poco più tardi, vieni verso le 15.30/16.00 all’agenzia
»
Barboncino: «Io vengo subito ora...»
Vincenzo: «No, sto a fare un servizio»
Barboncino: «No... se ti sbrighi prima…»
Vincenzo: «Stai facendo l’esagerato ora, Barboncino…!
».