venerdì 15 aprile 2011

Ucciso Antonello Faiello epurazione interna?

Vige un punto interrogativo sull'agguato di ieri sera costato la vita ad Antonello Faiello e del ferimento non grave di Luigi De Lucia entrambi affiliati al clan di lauro.I due sono stati raggiunti dai sicari mentre percorrevano a bordo di una moto transalp una strada adiacente al corso Italia zona off limits per i dilauriani da quando Salvatore Petriccione o'
marenaro si scisse anche lui dai di lauro e formo' un gruppo autonomo alle dipendenze degli scissionisti per la zona della venella grassi e del corso Italia appunto.Erano le ore 21 quando i due sono stati raggiunti da almeno 4 killer a bordo di moto e armati di tutto punto che senza esitazione hanno riempito di piombo entrambi.Dalle prime frammentarie informazioni apprese dagli inquirenti da Luigi De Lucia sembra che i killer una volta fatto cadere a terra i due dalla loro moto transalp si sono accaniti con cattiveria su Antonello Faiello massacrandolo senza pieta' sparandogli sei colpi di pistola di grosso calibro al volto al collo e al torace.De Lucia forse non era il vero obiettivo del raid visto che e' stato solo ferito a una spalla e a l'inguine senza che i killer gli dessero il classico colpo di grazia anche a lui.E la cosa strana e, che e' rimasto a terra ferito e sanguinante a vegliare il corpo del suo amico morto fino all'arrivo dell'ambulanza che lo ha caricato e portato di corsa all'ospedale san giovanni bosco.Dunque la situazione si complica ulteriormente visto che secondo gli inquirenti da tempo esisteva una pax camorristica tra i di lauro e gli scissionisti molto solida e attiva,durava ormai da due anni la pax voluta dai clan di miano capitanati da Salvatore Lo russo che aveva intavolato le trattative.Questa pax aveva non solo prodotto la fine dello scontro armato tra i due schieramenti ma anche il fatto che i di lauro cosi' come gli scissionisti, per esigenza o altro poteva varcare il territorio nemico senza correre nessun rischio di finire ammazzati.C'e' da capire se l'agguato di ieri sia stata un'epurazione interna al clan di lauro oppure opera degli scissionisti che provocherebbe un nuovo scontro armato visto che sono tornati in liberta' moli affiliati hai di lauro e altri si sono aggregati.Se non forte come un tempo ma comunque ancora capace di organizzare gruppi di fuoco e rispondere ad ogni situazioni di pericolo che viene dagli scissionisti o altri clan.Resta solo da attendere se i di lauro risponderanno a questo omicidio o se ci sara' silenzio, solo allora sara' facile dare lettura a questo omicidio e capire se si sia trattata effettivamente di una purga interna, pista quasi certa.Infatti Antonello Faiello era stato arrestato alcuni mesi fa e tirato in ballo dal pentito Carlo Capasso come esecutore di alcuni omicidi ai danni degli scissionisti,forse vista la giovane eta' e la poca esperienza i di lauro avevano paura che una volta incastrato e condannato sarebbe passato sicuramente a collaborare con la giustizia e da qui' la spedizione punitiva usando Luigi De Lucia come esca attiralo fuori il loro territorio e ammazzarlo per far ricadere la colpa sugli scissionisti.Ma per adesso sono solo ipotesi ma molto credibili che stanno girando in ambienti investigativi,dunque Luigi De Lucia avrebbe svolto bene il suo lavoro portando la sua vittima fuori il territorio del suo clan.