sabato 1 ottobre 2011

Massacrato 24enne nel quartiere di poggioreale...

Ancora una sconfitta per lo stato e' una vittoria per la camorra,un nuovo agguato di puro stampo camorristico sotto gli occhi di decine di testimoni nel quartiere poggioreale,i killer,due dalle prime indiscrezioni hanno freddato senza alcuna pieta' il 24enne Raffaele Costagliona sotto gli occhi terrorizzati e' inermi della mamma.Un delitto agghiacciante per le modalita' in cui si e' svolto,i killer vanno a bussare alla porta della loro preda e senza un minimo di pieta',o scrupoli,lo massacrano con decine di colpi di pistola sfigurandone per sfregio il volto.Raffaele Costagliola era un piccolo spacciatore che ultimamente si era avvicinato alla famiglia Circone che da quando i fratelli sarno si sono pentiti sta avanzando molte pretese nel panorama criminale per guadagnare prestigio e nuovi introidi.Forse Raffaele Costagliola e' morto proprio per questo,freddato per mandare un messaggio alla famiglia Circone per fargli capire che devono restare buoni senza puntare al salto di qualita'.Sembra infatti che la famiglia Circone si fosse negli ultimi mesi avvicinata alle famiglie Mazzarella e Puccinella per contrastare la frenata degli ex sarno che vorrebbero colmare il vuoto di potere lasciato dai loro capi accaparrandosi i traffici e il prestigio che tutti nutrivano nei confronti dei sarno.Comunque una guerra subdola che sta marciando pian piano sotto le ceneri dell'enorme impero che la famiglia sarno rappresentava,una guerra che fino ad adesso si e' combattuta a colpi di intimidazioni e ferimenti senza colpire mortalmente i nemici,cercando di tenere gli investigatori lontano dal capire cio' che sta mutando e potrebbe esplodere.E forse l'agguato in cui e' stato massacrato Raffaele Costagliola potrebbe rompere questa fragile regola se cio' risultasse vero,sono solo ipotesi al momento ma il quadro dell'intero contesto mostra in caso scoppiasse una faida scenari apocallittici visto l'enorme potenzialita' criminale che si aggroviglia tra barra-san giovanni-ponticelli.