mercoledì 27 giugno 2012

Ammazzato Marco Riccio affiliato della venella grassi..


Un clamoroso agguato,
che dai primi accertamenti sembra di stampo camorristico, è avvenuto poco prima della mezzanotte di ieri nel quartiere Secondigliano, tra via Miano e via cupa
Cardone. Proprio nei pressi della
sede della caserma “Caretto” un
giovane dall’aspetto di un giovannissimo è stato trovato già cadavere da un maresciallo dell’Arma che dall’interno aveva sentito dei colpi di pistola e si è precipitato fuori. Inutile si è rivelato
ogni soccorso e anche l’ambulanza del 118 ha dovuto fare marcia indietro. Il ragazzo era stato
ammazzato all’istante da un proiettile alla testa, anche se pure il
volto era stato centrato dagli assassini. Intorno a lui, a terra, non c’era niente. Per cui si presume
che si trovasse a piedi quand’è
cominciata la sparatoria nei suoi
confronti.La vittima era giovanissima,Marco Riccio infatti aveva solo 18 anni,e non era un personaggio di rilievo all'interno dei clan,visto che dai di lauro era passato con gli scissionisti della venella grassi.Per molti era solo un piccolo spacciatore,altri ancora lo indicano come un lesto ladruncolo,fatto sta che la sua e' stata un'esecuzione spietata,portata a termine in pochi secondi,il primo colpo in testa per farlo cadere,poi il colpo di grazia al volto.Per il momento si sa poco sulla vittima e sul movente,anche se qualcosa si potrebbe ipotizzare visto che era entrato a pieno titolo nel clan della venella grassi,forse ma sono solo ipotesi per il momento,il suo omicidio potrebbe essere collegato in qualche modo all'arresto di Fabio Magnetti o' mocill,arrestato pochi giorni fa insieme al suocero e al cugino.Forse Marco Riccio ha pagato con la vita la soffiata che ha fatto arrestare o' mocill?ripeto sono solo ipotesi e nient'altro,resta la rabbia il dolore e il rispetto per questo ennesimo ragazzino ammazzato in modo cosi' feroce e crudele.Rispetto per lui e per i suoi cari che si sono visti ammazzare il loro congiunto in modo cosi' barbaro e feroce..