lunedì 12 novembre 2012

Cosi' Peppe a befana e Antonio Mennetta er nino massacrarono il mio patrigno.

arresti.Inutile dire che molto probabilmente Cesare Pagano il cognato Raffaele Amato Paolo Di Lauro e altri tra boss e gregari rischiano di invecchiare e ammuffire tra quattro mura isolati dal mondo e da tutti come meritano se le accuse vengono confermate.Grazie a Biagio Esposito e' stato arrestato Cesare Pagano che non si aspettava il tradimento di chi per molto tempo e' stato tra i suoi pupilli,ma Biagio Esposito e' stato e lo e' a tuttora prezioso anche per ricostruire il movente e la successiva soppressione dei cadaveri di almeno cinque persone inghiottite nel nulla che grazie alle sue preziosi dichiarazioni ha permesso di ricostruire gli omicidi mandanti e killer anche se al momento i corpi non sono stati ancora trovati.Tra le dichiarazioni che Biagio Esposito ha fatto verbalizzare riguardano anche al feroce pestaggio e la successiva morte del patrigno Salvatore De Magistris massacrato perche' si rifiuto' di rivelare dove si nascondeva Biagio Esposito che non era a Napoli al momento dellamorte violenta del congiunto.Esposito racconta che la sorella e la mamma gli telefonarono subito dopo il ferocie pestaggio,mentre Salvatore De Magistris veniva trasportato d'urgenza al pronto soccorso la sorella gli accenno' cio' che era successo.Io mi trovavo a Ravenna racconta Biagio Esposito e mia sorella telefonicamente non fu abbastanza chiara su come erano andati i fatti,tuttavia mi fece capire che c'entravano i Di LAURO con quello che era successo.Dopo pochi giorni racconta Esposito fui contattato da mio cognato Luigi Secondo anche lui collaboratore di giustizia,mi informo' che Cesare Pagano voleva che io scendessi a Napoli per rinforzare le tante batterie di fuoco degli scissionisti attive contro gli esponenti dei Di Lauro che non si erano voluti girare con noi.Quando arrivai a Napoli andai a salutare Cesare Pagano e compagni e subito dopo mi recai a casa di mia mamma e mia sorella per farmi raccontare come erano andate le cose,e se loro avevano riconosciuto chi aveva picchiato selvaggiamente il mio patrigno passandogli anche con le ruote delle moto sul corpo ormai esamine a terra.Mia sorella mi disse che dalle finestre della camera da letto che affaccia all'interno del cortile aveva riconosciuto certamente Marco Di Lauro,Antonio Mennetta detto er nino e Giuseppe Preziosi detto peppe a befana.Successivamente parlando anche con il Cesare Pagano anche lui mi confermo' i nomi del feroce pestaggio,in quando moltissimi esponenti che lasciarono i Di Lauro per entrare nel nostro gruppo gli avevano rivelati i nomi degli assassini del mio patrigno.Ricordo che tutte le persone tirate in ballo dalle dichiarazioni di Biagio Esposito devono essere ritenute assolutamente innocenti fino ad una eventuale condanna definiiva...