giovedì 1 novembre 2012

Paolo Guarracino ammazzato dallo zio e fatto sparire..


(In foto il presunto omicida)
«Mio cugino Paolo Guarracino, mentre gli dava le spalle,
 è stato ucciso da mio zio Giorgio Scarpato, a sua volta ammazzato ad Arzano per ordine degli Amato-Pagano».

Era il 3 agosto 2008 e Biagio Esposito, ex Di Lauro diventato fedelissimo della prima ora dei boss “scissionisti”, raccontò ai pm antimafia ciò che sapeva sulla morte di Paolo Guarracino, vittima della lupara bianca, e di
Giorgio Scarpato, assassinato ad Arzano il 18 luglio 2007.

Ecco alcuni passaggi delle sue dichiarazioni, con la consueta premessa che le persone tirate in ballo devono essere ritenute assolutamente estranee ai fatti narrati fino a prova contraria. Tanto più in questo caso vengono
riferire notizie “de relato”, apprese da altre persone. Nel racconto del pentito, cambiano anche i retroscena dei due fatti di sangue: gli investigatori inizialmente pensarono che fossero scaturito dalla guerra tra i Licciardi e i Sacco-Bocchetti. La tesi del collaboratore di giustizia è diversa:
avrebbero dato fastidio ai ras degli Amato-Pagano, che non si fidavano di
loro.
“Quando fui scarcerato mi venne a trovare mio zio Giorgio Scarpato per
dirmi che per lui non era possibile stare nello stesso clan con Paolo in
quanto c’erano stati degli screzi in passato su una piazza di fumo. Con la
scusa di una riunione familiare Scarpato invitò a una sua casa in montagna tutti i miei cugini e anche Paolo Guarracino. E mentre Paolo stava salendo su una scala, mio zio Scarpato era alle spalle e gli sparò alla presenza degli altri miei cugini. Questi scapparono a bordo della macchina con cui erano arrivati, temendo di
essere uccisi anche loro in quanto sapevano che Scarpato era un vecchio cutoliano, persona veramente pericolosa. Successivamente ho appreso dagli organi di
stampa che venne rinvenuto nel Casertano un cadavere avvolto in qualcosa e bruciato. Di lui restava solo un
orologio di acciaio. Io pensai che potesse trattarsi di
Paolo perché, quando mi venne a trovare in carcere a
Modena, io dissi a mia moglie di regalargli il mio orologio in acciaio marca Cartier. Io ho sempre pensato che
l’ordine di uccidere Paolo sia stato dato a Scarpato da
Raffaele Amato e Cesare Pagano, che pure non si fidavano di Paolo. Ribadisco che è solo un mio pensiero”.
“Biagino” Esposito nel corso dello stesso interrogatorio
parlò anche dell’omicidio di Giorgio Scarpato. “Giorgio Scarpato fu portato
con una scusa ad Arzano, essendogli stato detto che doveva recuperare
soldi prestati ad usura al proprietario di un bar di quel Comune. Lì trovò
in sella a un motorino presso quel bar “Spinello” e “O’ red” che materialmente gli spararono. “Zio Paolo” era presente come copertura ai due killer. Non temendo lo Stube, dopo l’omicidio ci raggiunse in un’abitazione
a Mugnano  e ci disse che Scarpato aveva tentato di fuggire in un palazzo, ma era stato raggiunto. L’ordine di ammazzarlo lo hanno dato Raffaele Amato e Cesare Pagano, che si lamentarono con me del comportamento
dello Scarpato, dicendo che non faceva nulla per il clan e prendeva anche
lo stipendio. Io non mi opposi alla loro decisione, anche per quello che
aveva fatto a Paolo”.Articolo che attendevo molto di poterlo postare in quando mi avevo occupato in altri post sulla scomparsa di Paolo Guarracino detto "paolillo"intuendo che Biagio Esposito era tra i coloro che potevano dare una svolta a questa scomparsa.Cio' che ancora oggi dispiace e' il fatto che molto sono i collaboratori di giustizia che avevano parlato sulla presunta morte di Paolo Guarracino senza fornire comunque i dettagli su che fine avesse fatto il corpo.Anche se con le sue dichiarazioni che io do veritiere al 100% e' un peccato che anche lui non sia in grado di indicare un possibile posto di dove sia stato seppellito il corpo.Rimane l'orrore e l'amaro su queste dinamiche camorristiche che molte volte fanno rabbrividire su particolari agghiaccianti e sul fatto che molte volte le vittime sono giovani senza nessuna esperienza e furbizia criminale,diventando facile preda di questi lupi che si presentano travestiti da agnello.

15 commenti:

  1. ggent e scfaccimm

    RispondiElimina
  2. E muglier e mamm re camurrist so tutt zoccol

    RispondiElimina
  3. Paolo sempre nel mio cuore x sempre ti voglio bene...

    RispondiElimina
  4. Fratmo gli davi le spalle e ti ha sparato questa lota.Che tristezza sapere che fine ti a riservato il destino.Neanche una tomba per venire a portarti un fiore.Ti porterò sempre nel mio cuore paolillo e credo che solo p dret t putev spara sta merd pcche a OMM e OMM p nanz terana fa nu bucchin frat a me....

    RispondiElimina
  5. pur facc e facc o sparavn ...il fatto e ke lui nn se lo aspettava....putev essr bukkinar ma no0n sapeva giudikare obiettivamente a cosa andava incontro facendo scelte ke poi si sono rivelate fatali.....a malavit e pe malavitus figl e bukkin no pe sciem....i love you servizi segreti.

    RispondiElimina
  6. Paoli' sti sciem parlan perche' nun tann cunusciut ma o cazz mocc c le saput mettr a tutt quand cumpagn mi.Chi non sa la tua storia non puo' capire.

    RispondiElimina
  7. Paolo ho letto l'articolo e le lacrime rigano il mio volto.Come e' stato possibile tutto cio',eri un ragazzo pieno di vita solare bello e nu figl e bucchin in tutti i sensi.Se guardo la foto e sta lot che ti ha ammazzato provo solo rabbia,nu vrinzl e merd senza onore e senz dignita'.Avevi una moglie bellissima e una figlia stupenda riposa in pace amico fraterno mio e veglia su di loro,chissa' forse un giorno ci rincontreremo ancora perche' hai rimasto una traccia indelebile nel cuore e nella mente.Eri unico da il tuo caro amico.tvb

    RispondiElimina
  8. Una moglie bellissima e una figlia stupenda che non si godrà. Idioti...la colpa è di chi gli ha sparato alle spalle? Oppure è la sua che ha fatto scelte del cazzo? Finchè si darà la colpa al camorrista che ne ha ucciso un altro, non cambierà mai nulla. Se non era oggi sarebbe stato domani...siete destinati alla morte o alla sodomia in carcere. Pena...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. OTTIMO DIREI...COMMENTO INTELIGGENTE,CHI MUORE AMMAZZATO PER ERRORE O PERCHE' PARENTE MA E' PULITO E NON MANGIA PANE SPORCO ALLORA E' UN DISPIACERE,IN CASO CONTRARIO E' UN DISPIACERE UGUALMENTE MA E' COME IL SUICIDA DISPIACE MA NON VA' TOLLERATO NE PERDONATO....AMMAZZATO CAMORRISTA E PARI' AL SUICIDIO SE NON PEGGIO...PEGGIO DI CHI VA A MORIRE CON LA DROGA

      Elimina
  9. la sodomia in carcere ?
    Tu mi sa che hai visto troppi film .Guarda che l omosessualità è contro la morale del detenuto.

    RispondiElimina
  10. Caro anonimo mi sa che i film li hai visti tu.Uzzolo -Izzo bragandellu e tantissimi altri hanno ammesso che i rapporti omosessuali in carcere avvengono quotidianamente sia tra gli ergastolani che tra detenuti comuni.Dunque se devi finire in galera occhio che ti allargano il buchetto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gia stato in carcere .Sicuramente non come ergastolano
      ma un 2-3 annoi me li son fatti.mai saputo di certi episodi.
      Non è che è capitato a te ,e quindi tu pensi che capiti a tutti ?
      sai come si dice...la gallina che canta è quella che ha fatto l'uovo!

      Elimina
  11. come mai non inseriscono nuovi articoli??dove sta Bill Gates?

    RispondiElimina
  12. Paolino già scappasti alla morte tempo fà quando al tuo posto mori il povero Francesco Ottaviano detto "cicciotto",ora trovasti la morte tramite tuo zio ahahahahahahahahha........tu stavi cosi bn a reggio emilia ki cazz ta fatt fà e fà nata vot ò uapp a trucc?cmq m dispiac assaij cumbà.........cmq la moglie x la cronaca lo ha lasciato già da tempo e si kiama Gilda.........xkè Paolino s abbuffav e nev e la pikkiava sempre cmq pace a l anima sua....... INRI....................

    RispondiElimina
  13. in qst blog nn entro mai piu una sola volta una sola che io nn abbia letto cattiverie e nomi di terze persone mai un commento intelligente non prolungo...

    RispondiElimina

SVOGATEVI CON QUESTI CAZZO DI CAMORRISTI,VOGLIO SENTIRLE E VEDERLE DI TUTTI I COLORI