domenica 27 gennaio 2013

Fu ammazzata con 80 coltellate accorato appello della mamma...

NAPOLI - «È morta uccisa da una bestia ma anche perché lo Stato non l'ha tutelata». Le parole pronunciate da Luisa Falanga scorrono piene di dolore e rabbia per raccontare, ancora una volta, la storia di sua figlia ma soprattutto per chiedere giustizia.

Stavolta, la mamma della 25enne napoletana massacrata dall'ex fidanzato con 80 coltellate il 22 novembre del 2010, porterà il suo appello a Roma il giorno in cui verrà celebrata l'udienza per stabilire la conferma o meno della sentenza di condanna di I grado inflitta con 30 anni di reclusione a Luigi Faccetti, il 24enne napoletano efferato carnefice di Emiliana Femiano.

La Corte di Assise di Appello della I sezione del Tribunale di Roma si pronuncerà il 31 gennaio. «Pretendo e supplico il giudice di confermare la pena all'assassino di mia figlia - spiega Luisa che ha gli occhi spenti ma conserva lo stesso sguardo dolce che aveva la sua bellissima figlia - penso sempre a quante volte Emiliana gli avrà chiesto di fermarsi mentre l'aggrediva e lui non ha avuto pietà, è stato cattivo e ha portato a termine il suo piano di morte».

Quel piano messo a punto con i due cugini di Luigi Faccetti, Giuseppe Prisco e Marco Prisco che riuscirono a convincere con l'inganno Emiliana facendola incontrare col suo assassino, fu possibile per la condizione che il legale penale della famiglia Femiano, Paolo Abenante, ha definito «vuoto di tutela preventiva». «Un anno prima della morte di Emiliana c'era stato un primo tentativo di ucciderla colpendola con 10 coltellate al collo ed in faccia - spiega il legale - quell'episodio fu denunciato dalla vittima e la pena di 8 anni di reclusione inflitta a Luigi Faccetti fu sostituita da un giudice non titolare con gli arresti domiciliari a Terracina, condizione che rese possibile poi l'incontro successivo e fatale con la ragazza».

Un episodio che è stato definito dal legale dei familiari della vittima «il totale fallimento della giustizia preventiva». «Emiliana era troppo buona, non portava mai rancore - ricorda Luisa - le fecero così pressione l'ex ragazzo e i suoi familiari fino al punto di farla sentire in colpa di aver denunciato la prima aggressione e farla cadere nella trappola di un chiarimento dove purtroppo ha perso la vita».

In questi due lunghi anni di vuoto e di battaglie per sopravvivere al dolore, mandare avanti un negozio e accudire Domenico, fratello di Emiliana, al fianco di Luisa c'è stata l'associazione «Campania in Movimento» che manifesterà il 31 gennaio a Roma, di fronte al Tribunale con striscioni e magliette che ritraggono Emiliana e il suo sorriso. «Pochi giorni dopo l'omicidio di Emiliana organizzammo una fiaccolata, eravamo in 3000 con un messaggio ben preciso: Non uccidetela ancora - afferma Chiara Giordano, presidente di «Campania in Movimento» e oramai amica di Luisa - abbiamo seguito tutta la vicenda giudiziaria manifestando sotto al tribunale di Latina e organizzando vari sit in a Napoli per non far dimenticare quanto sia importante riconfermare la pena inflitta a Faccetti».

«Il 31 gennaio saremo a Roma per manifestare insieme ai familiari di Emiliana e a tutte le associazioni che vorranno fare rete con noi - conclude Chiara Giordano - ma la battaglia continuerà per tutte le altre donne perché fino a quando non verrà punito per tempo e con pene severe chi sbaglia, è inutile illudersi, non cambierà mai nulla». La speranza di Luisa è un grido ed un appello ai giudici. «Vorrei solo andare a trovare mia figlia il 1°febbraio per poterle dire che ha avuto almeno giustizia anche se nessuno me la potrà ridare».

6 commenti:

  1. maledetto bastardo 30anni sono anke poki,dovresti morire anke tu soffrendo piano piano,e spero ke nel carcere dove ti trovi tu abbia avuto a che fare con qualke detenuto ke konosce l'onore ,magari padre anke lui ke ti faccia pesare veramente la galera come si fa con le latrine come te verme skifoso

    RispondiElimina
  2. Altro che 41bis x un infame simile ci vorrebbe la tortura, sporco di sicuro nel carcere dove sei ti buttato nella sezione protetti altrimenti i detenuti vecchia mentalità ti avrebbero fatto passare l inferno lota nn meriti pietà devi soffrire lentamente fino ad impazzire dal rimorso di aver spezzato senza motivo la vita e i sogni di una ragazza ke di certo nn meritava un infame come te, Faccetti a morte, Emiliana VIVE!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. latrina omm e nient si na merrd devi morire espero ke ti massacrano di mazzate ogni giorno,,,,, ma sicuro cm dice l'amico stai cn i protetti, ma pure stai male cn infami stupratori ecc.. ecc... e le guardie che ti trattano come ,la merda xke pure loro sono padri

      Elimina
  3. pena di morte, e per ottenerla bisogna votare i partiti filofascisti:fiamma tricolore,forza nuova e casapound.

    RispondiElimina
  4. questo e il paese dei balocchi o ver!!!! una merda del genere lo dobbiamo anche sfamare e dargli un posto x dormire tanto il carcere italiano e questo invece di prenderlo e buttarlo in mezzo al mare che secondo me anche la fauna marina lo evita xrche e contaminato ma che bestia ma che faccia da culo che ha sto verme bastardo gli avvocati i giudici sono la rovina dell umanita intera i talebani sono meglio di voi cammoristi del caz...... combattono x uno scopo voi solo x soldi bastardi ci vorrebbe la pena di morte o ver x questi esseri obbietti w la legalita

    RispondiElimina
  5. Siete solo bravi a giudicare ma quella che cazzo e andata a fare da lui non doveva andare se le cercata se per questi mari vai questi pesci trovi fatevi i cazzi vostri e poi provateci a picchiarlo parlate troppo e poi e recluso tra i comuni perche non e un maniaco o altro era solo innamorato della persona sbagliata forse troppo innamorato!!!

    RispondiElimina

SVOGATEVI CON QUESTI CAZZO DI CAMORRISTI,VOGLIO SENTIRLE E VEDERLE DI TUTTI I COLORI