giovedì 28 febbraio 2013

Napoli, asta del tesoro dei clan venduto l'anello di Celeste Giuliano

Napoli - Gioielli, orologi, statue da presepe, ma anche appartamenti, auto e moto, attrezzi da lavoro, biancheria intima e una bicicletta: il Tribunale di Napoli vende all'asta i beni confiscati alla criminalità, organizzata e non, e in questo modo recupera un pò di soldi per fare fronte alle esigenze della giustizia.
Questa mattina nuovo appuntamento con i compratori, nell'Arengario del Palazzo di Giustizia; nelle prossime settimane sarà possibile partecipare anche on line, per allargare il numero degli interessati e spuntare per gli oggetti venduti prezzi più vantaggiosi. Oggi sono stati battuti soprattutto gioielli, tra cui lo splendido anello con brillante appartenuto a Celeste Giuliano, sorella dell'ex «re» del rione Forcella Luigi, oggi collaboratore di giustizia. 
C'erano poi orecchini, spille e ogni altro genere di monili. Soddisfatti gli organizzatori dell'asta, il presidente del Tribunale, Carlo Alemi, e Carlo Spagna, presidente della III sezione della Corte d'Assise nonch‚ delegato alla vendita dei beni confiscati. «L'iniziativa - ha spiegato Spagna - ha avuto un'eco enorme anche in altre regioni italiane e all'estero. Uffici giudiziari tedeschi e francesi ci hanno chiesto ragguagli perchè vorrebbero imitarci. Finora, intanto, abbiamo realizzato circa 300.000 euro, che di questi tempi sono più che mai preziosi per il ministero della Giustizia». 
È la prima volta che un'asta avviene a Palazzo di Giustizia: «In questo modo - ha sottolineato Spagna - agli acquirenti è garantita una maggiore sicurezza. I giudici vigilano direttamente sulle vendite, i cancellieri sono più motivati e i malintenzionati preferiscono stare alla larga». Molti degli oggetti messi in vendita in queste settimane sono rimasti per anni nelle casseforti degli uffici giudiziari. 
La loro provenienza è la più disparata: rapinatori, ladri, boss della camorra, spacciatori di droga; c'è molta refurtiva che non è stato possibile riconsegnare ai legittimi proprietari. Guadagni ancora più interessanti potranno arrivare dalla vendita degli immobili: appartamenti, negozi, laboratori ma anche interi complessi immobiliari di cui lo Stato è entrato in possesso grazie alla magistratura. Per gli interessati o i curiosi, l'elenco completo è sul sito www.ivgnapoli.it.