lunedì 11 marzo 2013

Alibi camorra per coprire le magagne...

Che alchimia questi signori dai colletti bianchi,trasformano fango in oro e oro in fango.Come se non bastasse poi,si e' messa anche la camorra di traverso,che molte volte fa comodo,mentre in altre occasioni no.Di cosa sto parlando?dei tanti inciuci che avvengono nella nostra amata città e che tante volte rimangono impuniti,oppure da copione già scritto si attribuisce la responsabilità alla camorra.Come e' successo ultimamente per la città della scienza,che subito i media e tanti altri hanno attribuito la responsabilità alla camorra.Ma veramente siamo arrivati a tanto?giustamente l'ultima parola spetta alla magistratura che sta indagando abbondantemente per stanare i colpevoli,semmai li troverà.La camorra e' una piaga sociale che affligge non solo Napoli,va combattuta con ogni mezzo e ogni sforzo per dare dignità alle persone oneste,ma allo stesso tempo vanno combattute anche le collusioni,il clientelismo,l'affarismo e tutti questi colletti bianchi collusi con la camorra e non solo.Si sta speculando molto ultimamente sulla crisi che sta travolgendo e flagellando le famiglie italiane.I tanti giovani che dal sud devono lasciare amici e parenti per trasferirsi al nord,perché?come mi domando su quale criterio le tante aziende che lavorano sul territorio della Campania,assumono i loro dipendenti senza un concorso pubblico?Il caso eclatante ma coperto da tutti e' lo scandalo della nota azienda di rifiuti che opera nel napoletano,migliaia di operatori ecologici assunti da chi?con quali requisiti sono stati assunti questi lavoratori?perché non vengono imposti i concorsi pubblici per le assunzioni?se ne inventi una che salva capre e cavoli.Poi dicono che a Napoli non c'e lavoro,ovvio,se non si conoscono i colletti bianchi collusi o non si paga il lavoro diventa solo un'utopia,bisogna distruggere questo meccanismo infernale che grava sulla vita di tutti noi,se non si paga o non ci si mette a disposizione di un colletto bianco allora bisogna emigrare,in massa..Prima il lavoro te lo dava la camorra,ricordate le dichiarazioni dei fratelli Giuliano boss di forcella?be' da solo bastano a far capire come e' marcio il meccanismo e come era facile inserire gli ex detenuti o finti disoccupati in aziende gestite anche dallo stesso comune,bastava che gli aspiranti lavoratori consegnavano venticinque milioni delle vecchie lire nelle mani di Salvatore Giuliano o montone,e il gioco era fatto.Molti meccanismi e molte realtà sono ancora piu' sporche e raccapriccianti della camorra stessa,che suo malgrado molte volte viene menzionata e tirata in ballo per coprire le magagne di chi sta molto piu' in alto e dovrebbe combattere determinate situazioni.